fbpx
Home » Encyclia Maculosa

Encyclia Maculosa

da Micaela
encyclia maculosa

TAG

Fornitore: Karge orchideen

Presa il: 21/04/17

Ultimo rinvaso: primavera 2018

Substrato: orchiata, sfagno, perlite

Supporto: ciotola in plastica

COLTIVAZIONE IN PILLOLE

Temperature: Min 10℃ Max 28℃

Umidità: 60%

Riposo: Si

Intensità luminosa: Alta

pagella

livello di difficoltà nella coltivazione da1 facile a 5 difficile
1/5

e’ una pianta davvero semplice e soddisfacente, a crescita veloce, bisogna solo poter garantire il riposo invernale e tanta luce

Notizie generali

descrizione e distribuzione

Il genere Encyclia appartiene al gruppo/famiglia delle orchidee Cattleya.

Le esigenze colturali, variano molto in base alla specie e alla sua provenienza, ma in linea di massima sono piante che amano forte intensità luminosa, temperature da intermedio a calde, ed alta umidità, va bene dare abbondanti bagnature dalla primavera a tutta l’estate, ma è necessario coltivarle in un substrato che permetta alle radici di asciugare in fretta.

Le specie provenienti dal Sud America, non amano essere bagnate spesso, ma preferiscono un ambiente molto umido. Mentre quelle Caraibiche vogliono maggiore acqua, ma un riposo secco invernale, che termina al comparire delle nuove vegetazioni e riprende quando queste sono mature.
 

L’encyclia Maculosa è originaria del Messico, dove cresce spontanea ad alta quota fino a 2400 mt. slm.

note di coltivazione

L’Encyclia maculosa, fa parte di quel gruppo di Encyclia a cui dare riposo asciutto in inverno, ed abbondanza d’acqua durante quello estivo.

Trovo sia una pianta molto interessante, gli pseudobulbi rimangono compatti nelle dimensioni e vicini tra loro, le foglie all’apice non diventano lunghissime, e riesco a collocarla facilmente nella struttura portavasi, tollera alta luminosità e il grande caldo estivo, nonostante si trovi in natura ad alta quota, il fiore è davvero particolare e conquista nonostante le piccole dimensioni, si presenta in grappoli, con il dorso dei petali dall’effetto ruvido da cui il nome “maculosa” ed è profumato!

Inoltre è una pianta a crescita veloce!

DIARIO DI COLTIVAZIONE

2021

ad aprile fiorisce una sola vegetazione. La primavera ancora non sembra arrivata e le temperature sono ancora un continuo sali scendi. 

Comunque provo a spostarla su una mensola più alta, perchè temo non ricevesse abbastanza luce.

2020

l’inverno lo trascorre in veranda con temp. min. di 10 gradi e le faccio osservare un riposo asciutto.

in primavera la rinvaso in orchiata, sfagno e perlite.

Come per gli oncidium, questa orchidea sviluppa le radici in superficie e metterla in un vaso largo e profondo sarebbe pericoloso per i marciumi radicali così opto per una ciotola.

Approfitto del rinvaso per dividere la pianta, ma le divisioni non radicano e non accestiscono, peccato. Magari riproverò mettendole in sfagno.

encyclia maculosa

2018

Ha trascorso l’inverno nella mansarda non riscaldata con bagnature diradate, per dare il riposo fresco invernale, buona umidità relativa, e luci led. A fine inverno fiorisce!  

2017

ad aprile la acquisto già fiorita alla mostra di orchidee di Monteporzio Catone.

La fioritura si protrae a lungo, la pianta è ben accestita e ogni nuova crescita porta uno stelo a fioritura. 

A fine estate è diventata molto più grande, così la metto in un vaso poco più ampio, non riesco a districare il groviglio di radici, così dopo aver tolto il grosso del vecchio substrato, la rinvaso così com’è in bark di pezzatura medio-piccola.

Encyclia Maculosa

Fonti

http://www.nardottoecapello.it/shop/scheda.asp?id=1619
http://www.orchidspecies.com/prosguttata.htm
http://bluenanta.com/natural/259685/species_detail/
0 commento
0

Ti potrebbe interessare

lascia un commento

Utilizziamo i cookie per personalizzare contenuti ed annunci, per fornire funzionalità dei social media e per analizzare il nostro traffico. Accetto Dettagli Privacy e Cookie